Presidente della Repubblica, al via da oggi le votazioni, i candidati in lizza per il Quirinale

Presidente della Repubblica, al via da oggi le votazioni, i candidati in lizza per il Quirinale

Prenderanno il via oggi le votazioni per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. Dopo il vertice dei partiti e i vari incontri, spunta l'ipotesi di Andrea Riccardi come possibile candidato verso la corsa al Quirinale

Il gran giorno è arrivato.

Oggi, Lunedì 24 Gennaio, prenderanno il via le votazioni  per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. Il tutto si svolgerà a partire dalle 15

Dopo il passo indietro di Pier Silvio Berlusconi verso la corsa al Quirinale in favore di un rappresentante del centro destra che abbia maggiori consensi,  in questi giorni, si sono rincorsi i nomi più disparati dei possibili candidati per il Dopo Mattarella, anche se ad oggi non c’è nessuna ufficialità su chi possa ricoprire la carica. Nel frattempo, nella giornata di ieri si sono riuniti i diversi partiti, in modo da scegliere il nome del prossimo Presidente.

Sul fronte del centro destra, Matteo Salvini ha ribadito che nella lista della Lega, c’è una rosa di nomi di altissimo profilo, “il centrodestra è al lavoro nella certezza che,nell’interesse del Paese, da sinistra non ci saranno No o veti incrociati come avvenuto fino a ieri”.

Nella giornata di oggi invece, si concluderà il vertice tra anche Conte, Letta e Speranza. L’ex premier ha annunciato che non sono stati fatti ancora i nomi  secondo lui “una candidatura che ha le caratteristiche che abbiamo detto, è Andrea Riccardi”.

Il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, storico nonchè unico italiano che ha ottenuto il Premio Carlo Magno,   è  stato definito come un”profilo non di parte e autorevole, che gode di una larga condivisione, di maggioranza e una garanzia che possa rappresentare gli italiani  e non espressione di una specifica coloritura politica”.

Spunta quindi l’ipotesi che sia proprio Andrea Riccardi ad avere un profilo ideale per diventare Presidente della Repubblica.

Un nome che però non trova riscontro sul fronte del Pd, “siamo perplessi, proprio che in questi giorni abbiamo lanciato il referendum sul matrimonio egualitario, viene scelto Riccardi dopo che nel 2013 ribadì la sua contrarierà al matrimonio lgbt” ha dichiarato Marrazzo, esponente del comitato “sì matrimonio egualitario”.  Dello stesso parere anche Matteo Renzi, “ha fatto benissimo il ministro, una persona straordinaria ma non ha nessuna possibilità di essere eletto”.

Come avverrà l ‘elezione?

Come avverrà l’elezione?

Come previsto dalla legge, l’elezione del tredicesimo Presidente della Repubblica, sarà a scrutinio segreto.Dopo il Parlamento in seduta comune, l’iter prevede tre votazioni a maggioranza di due terzi dell’assemblea mentre dopo il terzo scrutinio (673 voti), basterà la maggioranza assoluta ( 505 preferenze) Gli elettori saranno   630 deputati, 321 senatori e 58 delegati locali rappresentanti di ogni Regione eletti dal Consiglio Regionale.

 

Categorie
TAGS
Condividi

Commenti

WordPress (0)