Legge elettorale, Rampelli (VCP-FDI): Rosato ha detto inesattezze sul Rosatellum e Consulta

Legge elettorale, Rampelli (VCP-FDI): Rosato ha detto inesattezze sul Rosatellum e Consulta

"Ha fatto volontariamente confusione tra il sistema definito Porcellum, il cui premio di maggioranza era stato precedentemente bocciato dalla Corte Corte Costituzionale, e l’Italicum. Parliamo di due diverse leggi elettorali entrambe con diverse criticità. Con il cosiddetto Rosatellum le cose sono addirittura peggiorate perché si poteva intervenire semplicemente inserendo la previsione della percentuale dei voti oltre i quali scattava il premio.  Il porcellum aveva il merito di garantire la governabilità mentre il Rosatellum ha favorito i giochi di palazzo. Del resto, è talmente legittimo il principio del premio di maggioranza che è alla base della stabilità dei Comuni e delle Regioni. Se fosse vera l’incostituzionalità del premio dovremmo forse provvedere conseguentemente ad abolire quello di comuni e regioni?” E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

“Mi corre l’obbligo di rettificare quanto detto ad ‘Agorà’ dal collega Rosato, senza aver avuto la possibilità di replica perché la trasmissione si stava chiudendo. La Consulta non giudicò illegittimo il premio di maggioranza dell’Italicum ma la mancanza della percentuale di voti minima che avrebbe fatto scattare il premio. Ha fatto volontariamente confusione tra il sistema definito Porcellum, il cui premio di maggioranza era stato precedentemente bocciato dalla Corte Corte Costituzionale, e l’Italicum. Parliamo di due diverse leggi elettorali entrambe con diverse criticità. Con il cosiddetto Rosatellum le cose sono addirittura peggiorate perché si poteva intervenire semplicemente inserendo la previsione della percentuale dei voti oltre i quali scattava il premio.  Il porcellum aveva il merito di garantire la governabilità mentre il Rosatellum ha favorito i giochi di palazzo. Del resto, è talmente legittimo il principio del premio di maggioranza che è alla base della stabilità dei Comuni e delle Regioni. Se fosse vera l’incostituzionalità del premio dovremmo forse provvedere conseguentemente ad abolire quello di comuni e regioni?”
E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Categorie
TAGS
Condividi

Commenti

WordPress (0)