Perchè la BCE non può fallire a livello di liquidità

Perchè la BCE non può fallire a livello di liquidità

Con le dichiarazioni della Lagarde, si spegne l'orchestrina argomentata da dem e Ue in merito al debito pubblico, la BCE non può fallire in quanto istituto di credito deputato all'emissione della moneta quindi l'Euro

Siamo stati abituati alla “favola” che se si produce troppo denaro alla fine si va all’inflazione, no, anzi non esattamente, ciò può avvenire solamente in casi di piena occupazione riprendendo il più grande economista della storia ossia Jonh Maynard Keynes. Infatti come i post-keynesiani insegnano, il debito pubblico è un concetto astratto attualizzato dalle normative dell’ex Comunità Europea per assoggettare tutti gli stati comunitari all’Euro, quale moneta che induce un sistema di governo finanziario.

Per quale motivo, come ammette la presidente della BCE ( Banca Centrale Europea) Lagarde la banca che presiede non può fallire? Il motivo: l’istituto è sempre solvibile nella moneta della quale controlla l’emissione.  “In qualità di soggetto emittente dell’euro, l’Eurosistema sarà sempre in grado di generare la liquidità aggiuntiva necessaria”, così recita la Lagarde e finisce l’orchestrina in funzione UE. 

Non a caso il denaro si crea dal nulla, l’istituto deputato a farlo può produrne in quantità potenzialmente illimitata e senza pericoli d’inflazione in determinate eccezioni. La conclusione è che a livello tecnico-finanziario la BCE non può fallire, quindi di conseguenza se si nazionalizzasse una banca che diviene prestatore di ultima istanza con erogazione di moneta parallela all’Euro si potrebbe avere la liquidità necessaria per uscire dalla crisi, senza il “cappio” mosso dal MES o dal Recovery Found.

Categorie
TAGS
Condividi

Commenti

WordPress (0)