Roma,dichiarata la morte cerebrale per il bambino ucciso dall’arma da fuoco del nonno

Roma,dichiarata la morte cerebrale per il bambino ucciso dall’arma da fuoco del nonno

Da un appartamento di Roma sarebbe partito un colpo dall'arma da fuoco che un anziano deteneva, colpendo accidentalmente il nipote di 7 anni, di cui è stata dichiarata poi la morte cerebrale

Dopo che è stato ferito dall’arma da fuoco che teneva il nonno, un bimbo di 7 anni è morto in ospedale dove è stata dichiarata la morte cerebrale.

E’successo a Roma, dove l’uomo ha raccontato che mentre si trovavano a casa, gli sarebbe partito un colpo in modo accidentale dalla pistola che stava mettendo apposto, anche se al momento la polizia sta indagando.

Bimbo morto da un colpo di pistola del nonno

Tragedia in un appartamento di Roma di via Sal Sillaro a Montesacro dove a perdere la vita è stato un bambino di 7 anni.

Il padre lo aveva portato a casa del nonno e mentre stava stata rimettendo apposto la pistola che l’anziano deteneva regolarmente, proprio per evitare  che il piccolo la potesse prendere, sarebbe partito un colpo che lo ha portato alla morte.

Il bambino, colpito dal proiettile dell’arma da fuoco alla testa, è stato subito trasportato all’ospedale in codice rosso in condizioni gravissime. I medici hanno provato a rianimarlo ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Dalle prime ricostruzioni  si tratterebbe di omicidio colposo, il fatto è avvenuto accidentalmente ed è stato escluso il gesto volontario.

 

Categorie
TAGS
Condividi

Commenti

WordPress (0)