Via libera alla modifica sulla Legittima Difesa

Approvata alla Camera Dei Deputati la nuova legge sulla Legittima difesa. A fine mese sarà operativa, esulta la Lega meno i Cinquestelle

Di Alberto Xerry De Caro

A Montecitorio la maggioranza approva: la difesa è sempre legittima e a fine mese sarà legge
Sono state ore decisive quelle trascorse nel pomeriggio di ieri alla Camera dei Deputati per l’avanzamento della riforma in materia di legittima difesa proposta dalla Lega. Una riforma della legge che a Montecitorio è passata grazie ad una maggioranza compatta, nonostante la defezione in aula di 25 deputati del MS5 che non ha comportato però grandi problemi. Ora la proposta di modifica di legge tornerà nuovamente al Senato, il 26 marzo per la terza lettura, per essere quindi definitivamente approvata. A fine marzo dunque la conferma, e poi da allora, la certezza che chiunque violerà la proprietà privata altrui, dovrà prima pensarci bene su due volte. Cosa in futuro cambierà infatti per chi volesse andare contro legge? Innanzi tutto la difesa sarà sempre legittima quando ci si trova in uno stato di grave turbamento. In sostanza non sarà punibile chi userà un’arma legittimamente detenuta al fine di difendere la propria incolumità e i propri beni. Tecnicamente usando il linguaggio forense si riconosce la sussistenza della proporzionalità tra offesa e difesa. Affinché scatti la legittima difesa dunque non sarà necessario che un ladro abbia un’arma in mano, bensì sarà sufficiente la sola minaccia di usare un corpo contundente per difendersi legalmente dal malintenzionato. Con il provvedimento poi si escluderà la responsabilità civile di chi si è difeso legittimamente, e sarà dichiarato non punibile penalmente chi verrà riconosciuto di aver agito in stato di grave turbamento. Inoltre verranno inasprite le pene per chi violi il domicilio altrui, venga sorpreso a rubare in casa altrui o commetta una rapina o uno scippo. I colpevoli di furto riconosciuti tali che riconoscono il danno alle vittime, otterranno la sospensione convenzionale. Nella riforma proposta dalla Lega si eviteranno in sostanza le spese giudiziarie per procedimenti penali dove si venga accusati di eccesso di difesa: pensiamo a esempio ai tabaccai che si ritrovano a doversi difendere in Tribunale da accuse spesso ‘infondate’ solo per aver reagito ai loro rapinatori armati. E così chi sarà riconosciuto non punibile penalmente, verrà dispensato anche dall’obbligo del risarcimento della vittima in sede civile. Pensiamo a esempio a coloro che sono stati costretti sino a oggi a dover vendere a volte la loro attività, per fare fronte ai debiti contratti nel risarcire i parenti dei rapinatori-vittime di omicidi colposi! È accaduto ad alcuni tabaccai, a certi gestori di impianti di carburanti, ai gioiellieri, a chi si è ritrovato un ladro in casa, ma potrebbe continuare ancora l’elenco dei tristi esempi che la cronaca purtroppo ci riporta sempre. A fine mese, quando la riforma di questa legge voluta dalla Lega diventerà realtà, non solo i commercianti ma tutti i cittadini potranno godere di una giustizia forse più equa e civile.

Categorie
TAGS
Condividi

Commenti

WordPress (0)